Suggerimenti di puntualità

white_rabbit_watch

Ho la dote di essere una persona ben organizzata e puntuale; chi mi conosce bene mi prende anche in giro per questa caratteristica (“sei una siciliana svizzera!”); eppure, quando recentemente una persona mi ha chiesto qualche dritta su “come ci riesco”, la domanda mi ha un po’ spiazzata perché non ci avevo mai veramente riflettuto! Capisco anche che si tratta di una caratteristica socialmente apprezzata pertanto è comprensibile la domanda, soprattutto da parte di chi fa veramente tanta fatica ad organizzarsi e ad arrivare in tempo.

Al di là di alcune predisposizioni personali o abitudini familiari, credo che qualche dritta possa contribuire a gestire meglio il tempo e le cose da fare:

  • Ciascuna attività richiede del tempo ed ognuno ha il proprio ritmo: occorre valutare con onestà e realismo, quanto tempo ci occorre per fare tutte le piccole azioni che completano l’attività. Ad esempio, se devo stirare il vestito che indosserò per l’appuntamento alle ore x, oltre al tragitto da percorrere (google maps fornisce una stima dei tempi) dovrò includere anche la stiratura, la preparazione dell’asse da stiro, il riempimento del serbatoio per il vapore e il tempo di riscaldamento del ferro.
    Un esempio molto casalingo ma utile per capire che spesso si sottovalutano dettagli apparentemente di poco conto che erodono il tempo e mandano a monte l’organizzazione.
    Tip: ho anche un efficientissimo ferro da stiro verticale e salva tempo! 😉
  • Poche attività contemporaneamente: per quanto io sia una persona iperattiva, organizzo la mia “to do list” cercando di non riempiere il tempo come un uovo; in particolare, è bene fare attenzione nel valutare ciò che richiede attenzione esclusiva e quali attività invece possono essere svolte in contemporanea. Mentre lavo i piatti, posso far bollire un uovo ma non posso fare il soffritto perché la cipolla ci mette poco a bruciare; altro esempio casalingo, vabbè, ma mi è capitato diverse volte, finchè ho capito!
  • Conoscere i propri punti di forza e di debolezza (eh sì, un evergreen!): per quanto possibile, si può cercare di ottimizzare le proprie attività incastrandole nella fetta della giornata in cui si è più “presenti”. Ad esempio, io cucino il pranzo e preparo le schiscette alle 6 perché al mattino corro come un razzo e al tramonto rallento inesorabilmente. Non sono l’anima delle feste serali ma va bene lo stesso, io sono così 😊. Ciascuno ha i propri ritmi e mi rendo conto di essere molto più efficiente, svelta ed organizzata quando seguo il mio ritmo naturale senza forzature.
  • Promemoria sonori nel cellulare: poiché ho una pessima memoria per me è difficilissimo ricordare le tante (tantissime!) cose che ho da fare o da gestire. Mi viene in aiuto il telefono che permette di impostare le sveglie con promemoria sonori nel giorno e l’ora stabiliti. L’importante è ricordarsi di metterli!
  • Imparare a dire di no alle distrazioni: non sono mai le cose o gli altri a distrarci, siamo noi stessi a distogliere la nostra attenzione dirigendola verso altro. Tornando all’esempio del ferro da stiro se mentre mi preparo a stirare il vestito per l’appuntamento delle ore X, ci aggiungo anche la camicia del mio compagno, il pantalone per mio figlio, la tovaglia per la tavola, posso già prevedere di arrivare in ritardo. Le telefonate, le mail, i messaggini, il programma TV saranno sempre lì a sedurre la nostra attenzione; sta a noi restare focalizzati su un’attività specifica, rimandando le altre cose in un secondo momento (anche con un promemoria telefonico!!!)

Io credo che ciascuno di noi abbia doti e talenti specifici, non occorre quindi frustrarsi se la puntualità e l’organizzazione non sono tra di esse; spesso le persone più creative e immaginative non riescono a stare nei limiti stretti delle tempistiche convenzionali, pertanto se da un lato possiamo tutti imparare piccoli trucchi per fare nostre competenze nuove, dall’altro lato è sicuramente più utile e liberatorio valorizzare i nostri pregi e fare di essi le nostre migliori qualità!

 

Autore: Diana Cannarozzo

Counselor, operatrice olistica e di benessere, mi occupo della relazione d'aiuto offrendo sostegno professionale. Iscritta al registro professionale ASPIN, ricevo a Milano e a Vigevano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...