Con che cosa mi identifico?

Kayak-Napoli-Baia-di-Ieranto-640x463
 
Negli anni passati la battaglia dei sessi si giocava anche sui ruoli: l’uomo si identificava col suo lavoro e la donna (volente o nolente) col ruolo di moglie e mamma. Oggi, ringraziando il Signore e tutti gli Dei, le cose sono cambiate eppure resta ancora forte la tendenza a identificarsi con qualche etichetta.
 
Il lavoro (sono medico, sono operaio, sono impiegata), gli hobbies (sono uno sportivo, sono una brava cuoca), il proprio nome (sono Diana, sono Roberto). Succede però che identificarsi troppo con una sola parte di noi ci incastra in aridi schemi spesso privi di creatività e passione.
 
Chi sono io se perdo il lavoro? Sarò ancora uno sportivo se ho un incidente e ingrasso? Che ne sarà di me se la qualità di cui tanto mi vanto smette di essere apprezzata o se qualcuno si mostra più bravo di me?
 
Non siamo nulla di tutto ciò; non siamo il nostro lavoro, ruolo, hobbies, nome. La vita là fuori è talmente variegata e dinamica che indossare delle etichette ci castra ogni possibilità di nuove scoperte.
 
Sarò pure medico perché ho la passione della medicina e ho studiato tutta la vita; ma sono anche altro. Se mi dimentico che là fuori c’è una vita in continuo movimento, essa smette di essere degna di essere vissuta e non ci risponde più perché non la onoriamo.
 
Perché dovrebbe poi? La vita è per i coraggiosi, coloro affamati e folli (e no, non cito Steve Jobs, ma la scrittrice Rashmi Bansal), la vita è per coloro che hanno una vita perché sanno coltivarla a 360°: amici, partner, lavoro, interessi, passioni, cazzeggio vario, buoni libri, arte, attività sportiva, approfondimenti, leggerezza, bevute…
 
Smettiamo di raccontarci chi siamo perché ci fa sentire al sicuro o realizzati. Proviamo a porci qualche domanda scomoda: “con cosa mi identifico” e poi subito dopo “cosa ho paura di perdere”?
 
Là dove mettiamo la nostra energia è l’obiettivo verso il quale stiamo navigando, proprio in questo momento.

Autore: Diana Cannarozzo

Counselor, operatrice olistica e di benessere, mi occupo della relazione d'aiuto offrendo sostegno professionale. Iscritta al registro professionale ASPIN, ricevo a Milano e a Vigevano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...