Essere se stessi

Specchio

Un re andò nel suo giardino e trovò alberi e piante morenti e alcuni fiori appassiti; cominciò a chiedere alle piante le ragioni di questo stato.
La quercia disse che stava morendo perché non poteva essere alta come il pino.
Il re chiese al pino e lo trovò sofferente perché non poteva portare grappoli come la vite, mentre la vite stava morendo perché non poteva fiorire come una rosa.
Infine il re trovò una pianta, la viola fresca e fiorente come sempre; alla domanda del re la pianta rispose: “Mi è sembrato scontato che, quando mi hai piantato, tu volessi una viola; se invece avessi desiderato una quercia, un pino, una vite o una rosa avresti piantato quelle. Allora ho pensato… visto che non posso essere altro da ciò che sono, cercherò di manifestarmi al meglio di me stessa”

Autore: Diana Cannarozzo

Counselor, operatrice olistica e di benessere, mi occupo della relazione d'aiuto offrendo sostegno professionale. Iscritta al registro professionale ASPIN, ricevo a Milano e a Vigevano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...